Professione assistente sociale medico-ospedaliero / assistente sociale medico-ospedaliera

Gli assistenti sociali medico-ospedalieri forniscono consulenza ai pazienti e alle loro famiglie, aiutandoli ad affrontare meglio la malattia, le emozioni legate alla diagnosi e i problemi sociali e finanziari. Lavorano in collaborazione con medici, infermieri e altri operatori sanitari sensibilizzandoli relativamente agli aspetti emotivi del paziente. Fungono da collegamento tra pazienti e personale medico. Gli assistenti sociali medico-ospedalieri sostengono inoltre i pazienti e le loro famiglie relativamente alle dimissioni dall’ospedale.

Tipo di personalità

Test di Orientamento al Lavoro gratuito

Quali lavori ti piacciono? Seleziona un’occupazione adatta alle tue preferenze. Fai il test di orientamento al lavoro.

Al test

Conoscenze

  • Scienze sociali

    Lo sviluppo e le caratteristiche delle teorie sociologiche, antropologiche, psicologiche, politiche e sociali.

  • Requisiti giuridici nel settore sociale

    I requisiti legislativi e normativi previsti nel settore sociale.

  • Politiche aziendali

    L’insieme delle norme che disciplinano l’attività di un’azienda.

  • Giustizia sociale

    Lo sviluppo e i principi dei diritti umani e della giustizia sociale e il modo in cui dovrebbero essere applicati caso per caso.

  • Sistema sanitario

    La struttura e la funzione dei servizi sanitari.

  • Intervento in caso di crisi

    Strategie di gestione in caso di crisi che permettono agli individui di superare i problemi o le paure ed evitare stress e crolli psicologici.

  • Teoria del lavoro sociale

    Lo sviluppo e le caratteristiche delle teorie del lavoro sociale, sulla base delle scienze sociali e umanistiche.

Competenze

  • Coinvolgere i fruitori dei servizi e i loro assistenti nella pianificazione delle cure

    Valutare le esigenze delle persone in relazione alla loro assistenza, coinvolgere le famiglie o gli assistenti per sostenere lo sviluppo e l’attuazione di piani di sostegno. Garantire il riesame e il monitoraggio di tali piani.

  • Promuovere i diritti dei fruitori dei servizi

    Sostenere i diritti dei clienti di controllare la propria vita, procedendo a scelte informate in merito ai servizi che ricevono, rispettando e, se del caso, promuovendo le opinioni e le volontà individuali del cliente e dei suoi prestatori di assistenza.

  • Lavorare all’interno di comunità

    Creare progetti sociali mirati allo sviluppo della comunità e alla partecipazione attiva dei cittadini.

  • Affrontare i problemi con atteggiamento critico

    Individuare i punti di forza e di debolezza di vari concetti astratti e razionali, come ad esempio le questioni, i pareri e gli approcci relativi a una situazione problematica specifica, al fine di formulare soluzioni e metodi alternativi per affrontare la situazione.

  • Organizzare i pacchetti di lavoro sociale

    Creare un pacchetto di servizi di assistenza sociale secondo le esigenze dell’utente e in linea con le norme, i regolamenti e le scadenze specificati.

  • Negoziare con i fruitori dei servizi sociali

    Discutere con il proprio cliente per stabilire condizioni eque, sulla base di un vincolo di fiducia, ricordando al cliente che il lavoro è a loro favore e incoraggiando la loro cooperazione.

  • Rispettare la normativa relativa all’assistenza sanitaria

    Rispettare la legislazione regionale e nazionale pertinente per il proprio lavoro e applicarla nella pratica.

  • Riferire sullo sviluppo sociale

    Riferire i risultati e le conclusioni in modo comprensibile sullo sviluppo sociale della società, presentandoli oralmente e in forma scritta a un ampio pubblico che va dai non esperti agli esperti.

  • Sviluppare l’identità professionale nel lavoro sociale

    Adoperarsi per fornire servizi adeguati agli utenti del lavoro sociale, rimanendo entro un quadro professionale, comprendendo cosa significa il lavoro in relazione ad altri professionisti e tenendo conto delle specifiche esigenze dei clienti.

  • Soddisfare gli standard della pratica nei servizi sociali

    Prestare assistenza sociale e lavoro sociale in modo legale, sicuro ed efficace secondo le norme.

  • Dimostrare doti di direzione nei casi di attuazione dei servizi sociali

    Assumere un ruolo guida nella gestione pratica dei casi e attività di assistenza sociale.

  • Rendere la legislazione trasparente per i fruitori dei servizi sociali

    Informare e spiegare la legislazione agli utenti dei servizi sociali, al fine di aiutarli a comprendere le implicazioni che essa ha per loro e come usarla per il loro interesse.

  • Risolvere i conflitti

    Svolgere un ruolo di mediazione nelle situazioni di conflitto e di tensione, agendo tra le parti, come gli utenti di servizi, altri soggetti importanti come le famiglie e le istituzioni, al fine di raggiungere un accordo, riconciliarsi e risolvere i problemi.

  • Applicare la gestione dei casi

    Valutare, pianificare, facilitare, coordinare e promuovere opzioni e servizi per conto di una persona.

  • Riesaminare il piano dei servizi sociali

    Rivedere i piani dei servizi sociali, tenendo conto delle opinioni e delle preferenze degli utenti dei servizi. Dare seguito al piano, valutando la quantità e la qualità dei servizi forniti.

  • Organizzare i servizi a domicilio per i pazienti

    Garantire che le dimissioni di un paziente coincidano con l’organizzazione dei servizi medici complementari necessari a domicilio.

  • Fornire una consulenza in ambito sociale

    Assistere e guidare gli utenti dei servizi sociali per risolvere problemi e difficoltà personali, sociali o psicologici.

  • Pianificare il processo dei servizi sociali

    Pianificare il processo di assistenza sociale, definire l’obiettivo e valutare i metodi di attuazione, individuare e accedere alle risorse disponibili, quali tempo, budget, personale e definire gli indicatori per valutare il risultato.

  • Gestire le questioni etiche nel contesto dei servizi sociali

    Applicare i principi etici del lavoro sociale per guidare le pratiche e gestire questioni etiche complesse, dilemmi e conflitti in conformità del comportamento professionale, l’ontologia e il codice di etica delle professioni dei servizi sociali, impegnandosi in un processo decisionale etico mediante l’applicazione di norme nazionali e, se del caso, internazionali di etica o di dichiarazioni di principi.

  • Perorare la cause dei fruitori dei servizi sociali

    Parlare in nome e per conto degli utenti dei servizi, utilizzando le competenze comunicative e le conoscenze dei settori pertinenti per aiutare i soggetti meno favoriti.

  • Tenere un archivio del lavoro svolto con i fruitori dei servizi

    Conservare una documentazione precisa, concisa, aggiornata e tempestiva del lavoro con gli utenti dei servizi, nel rispetto della legislazione e delle politiche in materia di tutela della privacy e di sicurezza.

  • Gestire lo stress nell’organizzazione

    Affrontare le cause dello stress e della pressione incrociata nella vita professionale, ad esempio stress lavorativo, manageriale, istituzionale e personale, e aiutare gli altri a fare lo stesso per promuovere il benessere dei colleghi ed evitare situazioni di burn-out.

  • Comunicare in modo professionale con i colleghi in altri campi

    Comunicare professionalmente e cooperare con i membri delle altre professioni del settore sanitario e dei servizi sociali.

  • Condurre i colloqui nel contesto dei servizi sociali

    Indurre i clienti, i colleghi, i dirigenti o i funzionari pubblici a discutere in modo completo, libero e veritiero in modo da esaminare le esperienze, gli atteggiamenti e i pareri dell’intervistato.

  • Proteggere i fruitori vulnerabili dei servizi sociali

    Intervenire per fornire sostegno fisico, morale e psicologico alle persone in situazioni pericolose o difficili e per portarle, se del caso, in un luogo sicuro.

  • Gestire le crisi sociali

    Individuare, rispondere e motivare gli individui in situazioni di crisi sociale, in modo tempestivo, facendo uso di tutte le risorse.

  • Contribuire a proteggere le persone da eventuali danni

    Utilizzare procedure e processi consolidati per contestare e segnalare comportamenti e pratiche pericolosi, abusivi, discriminatori o di sfruttamento, portando tali comportamenti all’attenzione del datore di lavoro o dell’autorità competente.

  • Valutare la situazione dei fruitori dei servizi sociali

    Valutare la situazione sociale dei fruitori dei servizi bilanciando la curiosità e il rispetto nel dialogo, considerando le famiglie, le organizzazioni e le comunità e i rischi associati e individuando le necessità e le risorse, al fine di soddisfare le esigenze fisiche, emotive e sociali.

  • Applicare le tecniche organizzative

    Impiegare una serie di tecniche e procedure organizzative che facilitino il conseguimento degli obiettivi fissati, quali la pianificazione dettagliata degli orari del personale. Utilizzare tali risorse in modo efficiente e sostenibile e, se necessario, dar prova di flessibilità.

  • Fornire i servizi sociali in comunità culturali diverse

    Fornire servizi che sono attenti alle diverse tradizioni culturali e linguistiche, mostrando rispetto e convalida per le comunità e coerentemente con le politiche in materia di diritti umani e di uguaglianza e diversità.

  • Relazionarsi in maniera empatica

    Riconoscere, comprendere e condividere le emozioni e le conoscenze di un’altra persona.

  • Tollerare lo stress

    Mantenere uno stato mentale temperato e prestazioni efficaci sotto pressione o in circostanze negative.

  • Applicare i principi del lavoro socialmente equo

    Lavorare conformemente ai principi e ai valori di gestione e organizzativi incentrati sui diritti umani e sulla giustizia sociale.

  • Applicare un approccio olistico all’interno dei servizi sociali

    Considerare l’utente dei servizi sociali in ogni situazione, riconoscendo i collegamenti tra la micro-dimensione, la meso-dimensione e la macro-dimensione dei problemi sociali, dello sviluppo sociale e delle politiche sociali.

  • Comunicare con i fruitori dei servizi sociali

    Utilizzare la comunicazione verbale, non verbale, scritta e elettronica. Prestare attenzione alle esigenze specifiche, alle caratteristiche, alle capacità, alle abilità, alle preferenze, all’età, allo stadio di sviluppo e alla cultura degli utenti dei servizi sociali.

  • Sviluppare una rete professionale

    Rivolgersi a persone e incontrarle in un contesto professionale. Trovare un terreno d’intesa e utilizzare i propri contatti a reciproco vantaggio. Tenere traccia delle persone nella propria rete professionale personale e mantenersi aggiornati sulle loro attività.

  • Cooperare a livello interprofessionale

    Cooperare con le persone di altri settori in relazione ai servizi sociali.

  • Promuovere l’inclusione

    Promuovere l’inclusione nei servizi sanitari e sociali e rispettare la diversità di credenze, cultura, valori e preferenze, tenendo presente l’importanza delle questioni relative all’uguaglianza e alla diversità.

  • Delegare le attività

    Delegare attività e compiti ad altri in funzione della capacità, del livello di preparazione, della competenza e della portata giuridica della pratica. Assicurarsi che le persone comprendano cosa devono fare e quando devono farlo.

  • Promuovere il cambiamento sociale

    Promuovere cambiamenti nei rapporti tra individui, famiglie, gruppi, organizzazioni e comunità, prendendo in considerazione e affrontando i cambiamenti imprevedibili, a livello micro, macro e intermedio.

  • Intraprendere uno sviluppo professionale continuo nel lavoro sociale

    Intraprendere uno sviluppo professionale continuo per aggiornare e sviluppare costantemente le proprie conoscenze, abilità e competenze nell’ambito della pratica nel lavoro sociale.

  • Responsabilizzare i fruitori dei servizi sociali

    Consentire alle persone, alle famiglie, ai gruppi e alle comunità di avere un maggiore controllo sulla loro vita e sull’ambiente, da soli o con l’aiuto di altri.

  • Negoziare con le parti interessate nel settore dei servizi sociali

    Negoziare con le istituzioni governative, gli altri assistenti sociali, la famiglia e i prestatori di assistenza, i datori di lavoro, i padroni di casa per ottenere i risultati più adatti per il proprio cliente.

  • Adottare un intervento di crisi

    Rispondere metodologicamente ad un’interruzione o un arresto nella funzione normale o consueta di una persona, una famiglia, un gruppo o una comunità.

  • Lavorare in collaborazione con i fruitori dei servizi sociali

    Aiutare gli utenti dei servizi sociali a individuare ed esprimere le loro aspettative e punti di forza, fornendo loro informazioni e consigli per prendere decisioni informate nelle loro circostanze. Lavorare con persone, famiglie, gruppi, comunità al fine di raggiungere un cambiamento e migliorare le opportunità di vita.

  • Applicare le cure incentrate sulla persona

    Trattare le persone come partner nella pianificazione, nello sviluppo e nella valutazione delle cure, per essere sicuri che siano adeguate alle loro esigenze. Porre suddetti individue e le persone addette alla loro assistenza al centro di tutte le decisioni.

  • Aderire agli orientamenti dell’organizzazione

    Aderire agli standard e orientamenti organizzativi o di specifici reparti. Comprendere i motivi dell’organizzazione e gli accordi comuni e agire di conseguenza.

  • Stabilire le relazioni di aiuto con i fruitori dei servizi sociali

    Sviluppare un rapporto di assistenza collaborativo, affrontando le eventuali rotture o tensioni nei rapporti, favorendo il legame e conquistando la fiducia e collaborazione degli utenti del servizio tramite l’ascolto con empatia, l’interesse nei loro confronti, il calore e l’autenticità.

  • Sostenere le esigenze degli assistiti

    Promuovere le esigenze dei pazienti e delle famiglie in contesti diversi, come in strutture ospedaliere, ambulatoriali, a casa e nella comunità.

  • Applicare gli standard di qualità nei servizi sociali

    Applicare gli standard di qualità nei servizi sociali nel rispetto dei valori e dei principi del lavoro sociale.

  • Riflettere sulla pratica

    Valutare periodicamente le proprie pratiche, valutare e monitorare in maniera critica i metodi e i risultati delle pratiche in modo uniforme, coerente e adeguato, essendo a conoscenza delle metodologie pertinenti e utilizzando il feedback dei dirigenti, dei supervisori, di altri professionisti e dei pazienti/clienti, al fine di adattare la prassi di conseguenza.

  • Considerare l’impatto sociale delle azioni sui fruitori dei servizi

    Agire secondo il contesto politico, sociale e culturale degli utenti di servizi sociali, considerando l’impatto di determinate azioni sul loro benessere sociale.

  • Sviluppare una relazione terapeutica collaborativa

    Sviluppare una relazione terapeutica di collaborazione reciproca durante le cure, promuovendo e ottenendo la fiducia e la cooperazione degli utenti dell’assistenza sanitaria.

  • Lavorare in un ambiente multiculturale nell’assistenza sanitaria

    Interagire, mettersi in relazione e comunicare con persone provenienti da una varietà di culture diverse, quando operano in un ambiente sanitario.

  • Ascoltare attivamente

    Prestare attenzione a quello che dicono gli altri, comprendere pazientemente le argomentazioni proposte, facendo domande pertinenti e non interrompendo in momenti inopportuni; essere in grado di ascoltare attentamente i fabbisogni di clienti, passeggeri, utenti del servizio o altre persone e fornire soluzioni di conseguenza.

  • Applicare le tecniche di risoluzione dei problemi al servizio sociale

    Applicare sistematicamente un processo di soluzione graduale dei problemi nella fornitura di servizi sociali.

  • Lavorare in gruppi sanitari multidisciplinari

    Partecipare alla realizzazione di un’assistenza sanitaria multidisciplinare e comprendere le norme e le competenze delle altre professioni nel settore dell’assistenza sanitaria.

  • Avere conoscenze informatiche

    Utilizzare in modo efficiente i computer, le apparecchiature informatiche e la tecnologi moderna.

  • Applicare il processo decisionale all’assistenza sociale

    Adottare decisioni quando richiesto, rimanendo entro i limiti dell’autorità conferita e prendendo in considerazione i contributi dell’utente di servizi e di altri prestatori di assistenza.

  • Accettare le proprie responsabilità

    Accettare l’assunzione di responsabilità per le proprie attività professionali e riconoscere i limiti del proprio campo di attività e delle proprie competenze.

  • Prevenire i problemi sociali

    Prevenire la diffusione di problemi sociali definendo e attuando azioni in grado di prevenire i problemi sociali, adoperandosi per migliorare la qualità della vita di tutti i cittadini.

  • Rispettare le precauzioni sanitarie e di sicurezza nelle pratiche di assistenza sociale

    Garantire pratiche lavorative igieniche, nel rispetto della sicurezza dell’ambiente in strutture di assistenza diurna, di assistenza residenziale e dell’assistenza a casa.

  • Rinviare i fruitori dei servizi sociali

    Effettuare segnalazioni ad altri professionisti e altre organizzazioni, sulla base delle esigenze e dei bisogni degli utenti dei servizi sociali.

  • Applicare le pratiche antioppressive

    Individuare l’oppressione in società, economie, culture e gruppi, agendo da professionista in modo non oppressivo, consentendo agli utenti dei servizi di agire per migliorare la propria vita e consentendo ai cittadini di cambiare ambiente in funzione dei propri interessi.

Source: Sisyphus ODB